Permanenze della roulette

permanenza della roulette Le permanenze della Roulette

In poche parole, le permanenze nel gioco della roulette altro non sono che una lista dove sono contenuti le successioni dei numeri che escono ad ogni giro. Analizzando questa lista si cerca di prevedere l’andamento della partita, riuscendo a capire quali sono le puntate più ragionevoli da fare.

Ci sono vari modi di leggere le permanenze; dal basso verso l’alto, dall’alto verso il basso o per colore.

Come ottenere le permanenze

Nei casinò fisici, le permanenze della roulette vengono registrate ed esposte, anche se molti giocatori ritengono che quelle esposte siano permanenze fasulle col solo scopo di fuorviare i giocatori. In caso di casinò online, invece, se si vogliono avere dei dati riguardanti le permanenze sotto mano bisogna prendere carta e penna e scrivere da soli le uscite della roulette, dal momento che non esistono permanenze pubbliche.

In realtà, molti giocatori scelgono di studiare dei metodi propri su come sfruttare le permanenze basandosi su delle permanenze elettroniche che ricevono come output da dei programmi particolari che generano numeri pseudocasuali. Per teorizzare un sistema, infatti, queste vengono ritenute le migliori perché prive di qualunque componente ambientale che potrebbe manipolare l’ordine di uscita.


Tipi di permanenza

Fondamentalmente si riconoscono tre tipi di permanenza:

  • In serie: ad una serie di colpi rossi ne segue una di neri (N N N R R N N N N R R R R N).
  • Ad intermittenza: i due colori si alternano in modo uniforme e veloce (R N N R N R R )
  • Frammentaria: quando i colpi si alternano senza che si riesca a riconoscere un ordine.

Una permanenza costituita da più di cinque colpi dello stesso colore in gergo viene definita “en accolite”, e il colpo del colore opposto che spezza la serie viene definito “colpo di ritorno”.


Come sfruttare le permanenze

Sono molti i “sistemisti”, cioè quei giocatori che cercano di ricondursi ad una logica razionale alla base delle uscite della roulette. Questa tipologia di giocatori basa le proprie teorie fondamentalmente sulle permanenze. Il presupposto, infatti, che ogni singolo numero ha la stessa probabilità di uscire viene messo leggermente in secondo piano dalla scelta di studiare le sequenze di uscite. Come in tutti gli ambiti, infatti, anche nel gioco della roulette la realtà si differenzia dalla teoria a causa dei moltissimi imprevisti che il mondo reale offre.

Se volete puntare a creare una vostra strategia di gioco basata sulle permanenze, ciò che conviene fare è giocare diverse partite alle roulette online gratis. In questo modo non spenderete soldi e potrete giocare un grande numero di partite, segnandovi le uscite. In seguito, potrete analizzare i dati che avete ottenuto, cercando di trovare una logica ricorrente nelle uscite, e così, cercando di creare una vera e propria strategia personale che vi permetta con una buona approssimazione di prevedere l’uscita successiva.

A questo punto, con la vostra teoria in mano, potrete ritornare alla roulette online gratuita e vedere se il la vostra teoria è efficace.

Se la vostra strategia di gioco funziona, è il momento giusto per iniziare a giocare alle roulette reali o ai casinò online veri e propri, e mettere in pratica ciò che avete faticosamente inventato.


Le permanenze funzionano veramente?

La vera domanda è questa: la vostra strategia funziona perfettamente (o quasi) quando giocate le DEMO, ma poi quando si tratta di giocare veramente soldi reali, la vostra teoria non funziona più. Perché?

C’è da dire che le componenti psicologiche che intercorrono durante il gioco reale sono notevoli, dal momento che ci si sente più esposti; e questo sicuramente contribuisce alla vostra capacità di giudizio, e di conseguenza alla correttezza delle vostre puntate.

In secondo luogo bisogna ammettere che bisogna avere l’esperienza necessaria per capire quando potete applicare la vostra strategia: solitamente, infatti, i sistemi a permanenze che funzionano meglio sono quelli che si occupano di brevi giocate, e quindi di un’analisi parziale della lista completa delle permanenze. Sta anche qui la bravura del giocatore: capire quando giocare e quando no.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *